Il problema del caro-energia è uno dei più sentiti dalle famiglie italiane. I rincari in bolletta negli ultimi mesi si sono susseguiti uno dietro l'altro, portando il prezzo dell'energia elettrica e del gas a livelli record. A volte, però, un buon risparmio di energia si può avere con poche e semplici mosse, a partire dalla scelta e dall'utilizzo degli elettrodomestici.

La spesa sulla bolletta luce per gli elettrodomestici di casa si aggira intorno ai 600 euro per famiglia. Per ridurre questi costi è sufficiente rispettare qualche consiglio di buon senso. Anzitutto è bene scegliere modelli di ad alta efficienza energetica e a basso consumo: un elettrodomestico di classe A, infatti, oltre a consumare molto meno di uno di classe energetica inferiore, permette di risparmiare non poca energia elettrica. Scegliere un elettrodomestico che abbia queste caratteristiche non è difficile: le etichette energetiche, contenenti non solo la classe di appartenenza ma anche indicazioni sul consumo annuo sulla capacità e su altre caratteristiche del modello, sono ormai presenti non solo su lavatrici, frigoriferi e forni, ma anche su asciugatrici e lavastoviglie.

Altra buona regola, dopo la scelta di elettrodomestici in classe A o superiore, è di utilizzarli con consapevolezza, evitando inutili sprechi e spegnendo gli apparecchi in stand-by. Per i grandi elettrodomestici come frigorifero, congelatore, lavatrice, lavastoviglie e forno, la scelta della classe A è assolutamente importante per avere un risparmio concreto in bolletta. Lavatrice e lavastoviglie è sempre bene farli funzionare a pieno carico, magari nelle ore notturne o nei week end se il contratto di fornitura prevede un costo minore dell'energia in quei momenti. Il forno sarebbe meglio averlo a gas rispetto a un modello elettrico che consuma molto, in ogni caso, per evitare sprechi, è bene aprire il meno possibile lo sportello quando è in funzione e spegnerlo qualche minuto prima della fine della cottura.

Per chi ha lo scaldabagno elettrico, il consiglio è di sostituirlo il prima possibile con una caldaia a gas se è possibile o con un impianto a energia solare o geotermica. Nel caso non si potesse farlo, è importante evitare di tenere acceso lo scaldino per tutto il giorno, soprattutto se non è richiesto un uso continuativo. Si può anche comprare un timer per regolare l'accensione.

Per quanto riguarda l'utilizzo di computer, monitor e stampanti e per tutti gli altri elettrodomestici, anche in questo caso la scelta di modello a basso consumo è il primo passo per il risparmio. Inoltre impostare lo stand-by automatico e l'utilizzo di "ciabatte" con interruttori per evitare gli sprechi sono altre buone abitudini "eco" che aiutano il risparmio.