Il tetto dei 6 miliardi di euro previsti come limite massimo degli incentivi del Quarto Conto Energia è stato superato il 12 luglio. Il Quinto Conto Energia, dunque, entrerà pienamente in vigore il 27 agosto 2012. Ad annunciarlo è stato l'Autorità per l'energia,

Come stabilito nei decreti ministeriali sulle rinnovabili che producono energia elettrica, passati 45 giorni solari dalla data di pubblicazione della deliberazione dell'Autorità, il nuovo meccanismo di incentivazione per il fotovoltaico entra ufficialmente in vigore. Si tratta di una data molto più vicina di quanto ci si aspettasse: sembrava che il Quinto Conto Energia dovesse partire in settembre, avvicinandosi così verso le richieste delle Regioni e delle Associazioni di settore che chiedevano iniziasse a ottobre, ora, invece, dato il precoce raggiungimento della soglia del Quarto Conto Energia, la partenza è prevista prima della fine dell'estate.

Passato il "periodo cuscinetto", pensato per evitare un passaggio brusco dal sistema di incentivazione vigente e a quello successivo, il settore del fotovoltaico vedrà quindi partire immediatamente il nuovo meccanismo, che prevede un forte taglio degli incentivi per l'attivazione di impianti che producono energia solare.

Secondo quanto stabilito dal testo finale del decreto per gli impianti fotovoltaici fino a 20 KW non sarà necessaria l'iscrizione al registro per ricevere i sussidi, anche se è previsto un abbassamento degli incentivi stessi (il 20% in meno di agevolazioni a chi ha un impianto di potenza riconosciuta tra i 12 ed i 20 Kw). Sono esonerati dal registro anche gli impianti fotovoltaici integrati di ultima generazione (costo massimo di 50 milioni di euro), quelli a concentrazione (costo massimo di 50 milioni) e quelli su edifici e terreni della pubblica amministrazione (realizzati su gara d'appalto pubblica e con tetto massimo di 50 milioni di euro).