La bolletta della luce e le tariffe dell'energia non devono essere più un mistero. Se n'è parlato al convegno "Scegliere l'energia giusta: dal mercato alla bolletta", durante il Festival dell'Energia, da poco conclusosi a Perugia. Per una maggiore tutela del consumatore, infatti, tutte le voci riportate nel rendiconto dovrebbero essere chiare e immediatamente riconoscibili.

L'Autorità per l'Energia Elettrica e il gas (AEEG) ha attivato per questo l'operazione "Bolletta spiegata". Basta andare sul sito dell'Authority e cliccare su "La bolletta spiegata" per avere accesso a una spiegazione dettagliata di quello che si paga: il costo dell'elettricità effettivamente consumata, le tasse e gli oneri di sistema, ovvero incentivi alle rinnovabili e smantellamento delle centrali nucleari.

A questo proposito, è intervenuto il Presidente dell'AEEG, Luigi Carbone, spiegando che "gli oneri di sistema incidono per il 16% sul totale della bolletta. Di questa quota - ha proseguito Carbone - circa il 70% è destinato agli incentivi alle rinnovabili, mentre una quota molto minore va a finanziare lo smatellamento delle centrali nucleari". Operazione, quest'ultima, "che dev'essere portata a termine, per ragioni di tutela ambientale, nel più breve tempo possibile ma con la massima sicurezza", ha concluso Carbone.

Al convegno si è parlato anche di altri interventi a favore dei consumatori nel settore della fornitura di energia. L'AEEG ha attivato una task force contro i contratti truffa, per aumentare la fiducia dei cittadini nel mercato libero. Dal 1° giugno il consumatore che stipula un contratto di fornitura di energia con un nuovo operatore ha diritto a ricevere una cosiddetta "welcome letter", cioè una lettera di benvenuto che sancisce il passaggio. Gli operatori che non ottempereranno a questa misura finiranno in una black list e verranno multati.

L'Authority ha predisposto anche uno Sportello per il Consumatore. Chiamando il numero verde 800 166 654, oltre a reperire le stesse informazioni già contenute sul sito, si può anche ottenere un aiuto attivo per i reclami, per gli switching, per segnalare abusi da parte degli operatori, che possono trasformarsi in diffida verso gli stessi.