Cresce il comparto dell'energia eolica in Italia. I numeri parlano da soli: ad aprile questa forma di energia pulita ha garantito il 6,4% sul totale della produzione di energia elettrica del Paese, mentre a dicembre 2011 si è registrato un picco del 9%. Complessivamente nel 2011 l'eolico, con 7.250 megawatt installati in 450 Comuni diffusi in tutta Italia ha garantito oltre 10 TWh di produzione di energia verde.

Sono questi i risultati riguardanti l'energia eolica presentati da Legambiente durante in convegno organizzato il 12 giugno dall'Anev (Associazione nazionale energia dal vento) in cui si sono citati i dati Terna. In base a questi numeri si evidenzia l'interesse sempre maggiore degli italiani verso questa forma di energia verde: il 90% dei nostri connazionali, infatti, ritiene fondamentali le problematiche relative all'energia rinnovabile e vede nell'eolico un'importante soluzione per ridurre la dipendenza energetica da fonti fossili e per risparmiare sui consumi energetici.

Questa "buona percezione" degli italiani verso l'energia eolica, come ha sottolineato Simone Togni, presidente di Anev, "incoraggia l'associazione ad andare avanti con i protocolli per il corretto inserimento delle pale eoliche nel paesaggio, protocolli che abbiamo siglato con le associazioni ambientaliste, anche perché siamo i primi a volere che i 10 GWe di potenziale eolico che c'è ancora da installare in Italia siano realizzati nel più assoluto rispetto dell'ambiente".

In questo contesto in cui, però, non si possono tralasciare le difficoltà del settore dovute a una mancanza di certezze da parte del Governo, si festeggerà domani, 15 giugno, la giornata mondiale dell'energia eolica, il World Wind Day. In occasione di questo evento il 16 e il 17 giugno si terranno numerose manifestazioni e iniziative promosse da Legambiente e Anev anche nel nostro Paese, tra cui la possibilità di visitare alcuni parchi eolici in nove Regioni italiane.