Il pagamento di tutte le bollette relative alle tariffe di luce e gas emesse a partire dal 20 maggio sarà sospeso per tutte le popolazioni colpite dal terremoto. Ad annunciarlo è stata la stessa Autorità per l'energia, che, con una delibera approvata in occasione del consiglio straordinario di ieri, ha deciso di sospendere il pagamento delle fatture per la fornitura di acqua luce e gas di tutti gli utenti residenti nei Comuni colpiti dal terremoto. In una nota l'Autorità ha spiegato che si tratta di "un primo provvedimento di urgenza, in vista di nuovi interventi dell'Autorità che possano prevedere anche l'eventuale introduzione di agevolazioni di natura tariffaria come già fatto per il terremoto in Abruzzo". L'iniziativa dell'Autorità segue quanto già deciso da Hera che ha voluto sospendere le bolette per 4 mesi per i terremotati dell'Emilia.

Il provvedimento di urgenza dell'Aeeg, come ha spiegato l'Autorità, coinvolgerà tutti gli utenti delle zone terremotate "come individuati da successivi provvedimenti delle autorità competenti. La misura verrà applicata dalla data di emanazione da parte delle autorità competenti dei provvedimenti per l'identificazione dei Comuni danneggiati dagli eventi sismici del 20 maggio e successivi, e dei provvedimenti straordinari che verranno adottati dal Governo a sostegno delle popolazioni interessate dagli eventi sismici".

Successivamente si deciderà la data di ripresa dei pagamenti delle bollette. La scadenza della sospensione verrà comunicata con un altro provvedimento che verrà sempre emesso dall'Autorità tra le disposizioni straordinarie.