I due grandi gestori del settore energetico Enel e Edison, che in Italia si contendono il primato per la fornitura di luce e gas, hanno stretto un'alleanza "estera" per conquistare un'importante obiettivo per il mercato del gas. Enel e Edison partecipano insieme a una gara in cui più di 70 grandi aziende del settore energetico si contendono il più grande giacimento del Mediterraneo.

Questa riserva di gas, che si trova nei fondali del mare intorno a Cipro, è la più grande di tutta Europa e si estende per un grosso tratto tra le coste di Israele e quelle greche. La gara a cui partecipano anche le due nostre aziende nazionali, prevede l'assegnazione entro la fine dell'anno, di 12 concessioni da parte del Governo di Cipro ad altrettanti consorzi per l'estrazione del gas dai fondali.

Enel e Edison, che fanno parte di un consorzio insieme con la società israeliana Delek e l'australiana Woodside, mirano a conquistare almeno una concessione, potenziando la loro posizione nel mercato del gas naturale.

La scoperta di oltre 1000 miliardi di metri cubi di gas avvenuta nel 2010 grazie a alla società americana Noble e le israeliane Delek Energy e Avner Oil Exploration ha riportato fama ai mari di Cipro che, grazie all'assegnazione di questi lotti, ora pensa di recuperare i fondi necessari per risanare i conti pubblici del Paese. La presentazione delle domande si è conclusa l'11 maggio, vedremo quindi se le aziende italiane, che non a caso sono socie di un consorzio di cui fanno parte anche l'israeliana Delek Drilling, l'australiana Woodside Energy, riusciranno ad ottenere l'assegnazione di almeno un lotto.