Il primo trimestre dell'anno si è chiuso con un utile operativo di oltre 21 miliardi con una crescita del 15%. Così, mentre "l'outlook 2012 presenta elementi di incertezza a causa delle difficoltà della ripresa economica", nei prossimi 4 anni Eni "continuerà a generare risultati al top dell'industria". Questo è quanto hanno scritto in una lettera agli azionisti l'amministratore delegato di Eni Paolo Scaroni e il presidente di Eni Giuseppe Recchi.

Scaroni in particolare ha voluto sottolineare la volontà di crescita dell'azienda che nel prossimo futuro vuole puntare soprattutto sui nuovi giacimenti e sul consolidamento della "leadership nel mercato europeo del gas; un mercato oggi difficile ove però raccogliamo i frutti della rinegoziazione dei contratti di lungo termine, Gazprom in primis, mentre un contributo giungerà dalla nuova società di trading e shipping che opera a Londra, strumento fondamentale per operare in questi mercati volatili".

Sul fronte del gas ci sono buone prospettive poiché, ha affermato Scaroni, "abbiamo concluso le rinegoziazioni dei contratti con i libici, algerini e russi, mentre presto avvieremo i negoziati anche con Statoil e faremo leva sul migliore posizionamento per continuare a consolidare la nostra posizione di leader nella commercializzazione del gas in Europa".

Secondo Alessandro Bernini, cfo dell'Eni, "Il mercato del gas resterà sotto pressione nei prossimi semestri, ma dal 2014 dovrebbe tornare a rafforzarsi con una crescita dei volumi di lungo termine. […] Nel retail europeo la nostra base clienti dovrebbe crescere di almeno il 30% nei prossimi 4 anni dopo che lo scorso anno, in Italia, abbiamo stipulato 500 mila nuovi contratti, attraverso l'offerta luce e gas e una rete di vendita innovativa. In Europa, con l'acquisizione di Altergaz e Nuon, abbiamo invece consolidato la nostra base clienti in Francia e Belgio".

Queste operazioni, insieme alla ripresa della produzione in Libia, al contributo dell'elevato prezzo del petrolio e alla rinegoziazione dei contratti a lungo termine sul gas, hanno portato ai risultati eccellenti di questo primo trimestre del 2012, che confermano la posizione strategica di Eni nel panorama del mercato del gas a livello europeo.