La terza edizione della Conferenza di diritto dell'energia che si è aperta ieri, continua oggi con il tema "Crescita del Paese e sostenibilità: il ruolo delle rinnovabili in Italia", che vedrà confrontarsi le principali imprese del settore energetico, le associazioni di categoria e vari rappresentanti delle istituzioni. La conferenza, promossa dal GSE e dall'Università di Roma3, con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo economico, si occuperà quest'anno di affrontare le principali tematiche giuridiche legate al settore dell'energia rinnovabile.

Ieri, nel suo intervento di apertura dell'evento, Emilio Cremona, presidente del Gestore dei Servizi Energetici, ha affermato: "I lavori della conferenza annuale di diritto dell'energia cadono in un momento di riflessione sulle rinnovabili". Il settore, proprio in questi giorni, infatti, appare scosso dalle polemiche riguardo il Quinto Conto Energia che dovrebbe tagliare nettamente gli incentivi al fotovoltaico già a partire da questo giugno. Il continuo rinvio del decreto sulle rinnovabili, inoltre, sta mettendo in ginocchio il settore, che non ha alcuna certezza per il futuro.

A questo proposito il Presidente del Consiglio di Stato Giancarlo Coraggio, in una nota inviata al tavolo di Lavoro, ha affermato: "E' forte l'esigenza di una riflessione complessiva e di un riordino del settore dell'energia rinnovabile". E ha poi aggiunto: "I problemi, le emergenze che si propongono di giorno in giorno al nostro operare non consentono ulteriori rinvii. Occorrono scelte chiare che tengano conto della domanda pressante di energia, in funzione di sviluppo dell'economia e di benessere collettivo, della necessaria tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini, della giusta considerazione delle esigenze partecipative al processo decisionale, come e' naturale in ogni democrazia matura".

Nella giornata di oggi, in cui ci si concentrerà su ruolo economico delle energie rinnovabili nel nostro Paese nei prossimi anni, saranno presenti alcuni tra i personaggi più importanti del mondo energetico e istituzionale italiano. Tra essi ci saranno Claudio De Vincenti, sottosegretario allo Sviluppo Economico; Andrea Zoppini, sottosegretario alla Giustizia; Guido Bortoni, presidente Autorità per l'energia elettrica e il gas; Giovanni Pitruzzella, presidente Autorità garante della concorrenza e del mercato; Massimo Beccarello, responsabile area energia e ambiente Confindustria; Giulio Napolitano, professore Università degli Studi Roma Tre; Paolo Colombo, presidente Enel; Giuseppe Recchi, presidente Eni; Miguel Antonanzas, presidente e amministratore delegato E.ON Italia; Francesco Zofrea, presidente Assoelettrica; Luigi De Francisci, direttore affari regolatori Terna; Francesco Sperandini, responsabile area industriale Reti Acea.