Il governatore della Regione Lombardia Roberto Formigoni, intervistato da Energie Sensibili, una pubblicazione Sorgenia, ha espresso tutta la sua fiducia sul futuro "green" della regione lombarda. Il presidente si lascia andare anche a delle stime puntuali e spiega come si prevede di raggiungere, entro il 2020, il 50% dell'energia prodotta da fonti rinnovabili.

Punta in alto insomma la Regione Lombardia e lo fa anche grazie al nuovo programma appena lanciato, "Il piano della Regione Lombardia". Secondo Roberto Formigoni, questo progetto "offre una grande opportunità di crescita economica e occupazionale: stimolerà oltre 2 miliardi d'investimento sul territorio e metterà in circolo risorse per circa 1 miliardo di euro". E le basi su cui simili progetti vedono la luce sono anche abbastanza solide. È questo quanto emerge dalle parole del presidente stesso, il quale sottolinea che "la Regione vanta un grande patrimonio naturale e paesaggistico che promuoviamo come fattore di crescita. Per questo intendiamo la difesa dell'ambiente non come un vincolo, ma come un incentivo allo sviluppo alla sostenibilità. Le nostre politiche ambientali hanno il dovere di incentivare comportamenti virtuosi e investimenti in innovazione, ma anche di promuovere l'educazione ambientale, con politiche di lungo termine".

Ma è anche un altro l'asso nella manica della Regione Lombardia: è stato infatti da poco varato il Progetto di legge "Misure per la crescita, lo sviluppo e l'occupazione". Si tratta di un testo di 65 articoli che, a detta del governatore Formigoni "prevede, per la nostra regione, l'aumento al 50% della quota di energia da fonti rinnovabili da raggiungere entro il 2020".

La Regione Lombardia e le iniziative da essa intraprese sono specchio di quella che è la situazione energetica del nostro Paese: l'Italia è infatti al quinto posto tra i mercati per le fonti rinnovabili nel mondo e la regione lombarda è invece al primo posto in Italia.