Italiani sempre più "green" nella produzione di energia elettrica con il fotovoltaico e gli incentivi. Secondo uno studio condotto da Fondazione Impresa sulla diffusione degli impianti fotovoltaici installati in Italia in Conto Energia (il programma di incentivi a livello europeo introdotto in Italia nel 2005 e destinato a privati, imprese ed enti pubblici che hanno installato un impianto fotovoltaico in questi ultimi anni), negli ultimi due anni c'è stata una vera e propria corsa al fotovoltaico in tutte le Regioni.

I ricercatori di Fondazione Impresa hanno notato come gli impianti che hanno beneficiato delle tariffe incentivanti concesse da Conto Energia sono più che raddoppiati nel 2011, con una crescita del 104,6%, passando da 155.719 a 318.585. La potenza installata è addirittura triplicata con (+259,5%), passando da 3,5 a 12,4 GW, soprattutto per effetto dell'aumento degli impianti con potenza installata superiore ai 20 kWp.

La crescita ha riguardato tutto il Paese, senza notevoli differenze tra Nord e Sud: Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna sono in cima alla classifica per il numero di impianti (rispettivamente 14,8%, 13,7% e 9,4%), mentre alla Puglia va lo "scettro" per la regione con la potenza installata (17,1%) maggiore e con il maggior numero di impianti tipici di condomini, edifici del terziario e di piccole attività produttive. Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia sono le regioni con il numero di impianti più diffuso rispetto alla popolazione, mentre in Molise e Valle d'Aosta il fotovoltaico ha avuto una crescita maggiore rispetto al 2010.

Anche se la maggior parte degli impianti è di piccole dimensioni (tra 1 e 20 kWp), cresce soprattutto il numero delle industrie che hanno deciso da installare un impianto fotovoltaico (oltre 20 kWp) per il proprio fabbisogno di energia elettrica. Gli impianti industriali si sono triplicati, con una crescita del +216,5%.Dallo studio emerge che sono presenti in media 5,3 impianti in Conto Energia ogni 1.000 abitanti e più di uno su due (54,2%) ha una potenza installata tipica di condomini, piccoli edifici del terziario e piccole attività produttive. A seguire ci sono gli impianti monofamiliari (33,7%) e quelli industriali (12,1%). L'86,6% della potenza installata proviene da impianti industriali, l'11,0% da impianti installati su condomini, dal terziario e dalle piccole imprese e il 2,4% da quelli monofamiliare.

Osservando la variazione percentuale tra il 2010 e il 2011, si può notare una crescita generalizzata del settore fotovoltaico e un buon apprezzamento della popolazione per questi sistemi per la produzione di energia elettrica, nonostante le nuove norme previste dal Quarto Energia prevedano nei prossimi anni una forte riduzione degli incentivi, con un possibile ostacolo all'ulteriore diffusione del fotovoltaico nel Paese.

Chi volesse passare al fotovoltaico, oltre a guardare agli incentivi a livello nazionale o europeo, può fare riferimento anche ai progetti e alle proposte delle aziende presenti sul mercato. Molte di queste, infatti, come Sorgenia, sono molto attente alle problematiche ambientali e spesso prevedono delle agevolazioni per chi volesse installare un impianto fotovoltaico.