Non c'è tregua per il portafoglio degli italiani: tra le tante spese da sostenere quelle relative a luce e gas appaiono tra le più consistenti. Secondo un'analisi di Confartigianato a settembre la bolletta di luce e gas ha toccato il livello più alto degli ultimi 20 anni: 61,9 miliardi, con un'incidenza del 3,91% sul Pil. La bolletta luce e la bolletta gas per ogni famiglia ammontano a circa 2.458 euro all'anno. Secondo questi dati, a settembre si è superato anche il record storico registrato nel 2008, quando la bolletta incideva per il 3,7% del Pil ed era pari a 58,6 miliardi di euro.

L'analisi di Confartigianato fornisce dei numeri impressionanti: l'incremento della bolletta dell'energia nell'ultimo anno è stato del 26,5%. A contribuire in modo sostanziale a questo rincaro è stato soprattutto l'aumento del prezzo del petrolio, che a settembre è arrivato a 108,56 dollari al barile, registrando un +143% rispetto a marzo 2009. Questo ha portato conseguenze inevitabili per quanto riguarda i prezzi di carburanti, dei trasporti e del gas in tutta Europa, ma il nostro Paese, ancora una volta, si è aggiudicato la maglia nera negli aumenti rispetto agli altri Stati europei. Nel periodo compreso tra ottobre 2010 e ottobre 2011, il prezzo del gas è salito del 12% in Italia, mentre la media europea si è attestata al 10,1%. Anche il costo dei carburanti e dei lubrificanti nel nostro Paese rimane più alto che nel resto d'Europa: la benzina senza piombo da novembre 2010 ad oggi ha visto un aumento del 15,3%, mentre il gasolio auto è salito, nello stesso periodo, del 22,1%. Anche nel settore dei trasporti gli italiani hanno dovuto subire i rincari più alti dell'area euro: nell'ultimo anno i prezzi hanno visto una crescita spropositata, con un +7,7%(contro il +4,5% del resto d'Europa).

Come se non bastasse, a far piangere ulteriormente il portafoglio degli italiani quest'anno le tredicesime sono in calo. Secondo le associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori la tredicesima degli italiani è scesa del 2,2%, che corrisponde a 0,8 miliardi di euro. Guardando a questi dati, i presidenti delle due associazioni prevedono che circa l'80% delle tredicesime sarà destinato al pagamento di spese come mutui, bolli, canoni, rimborso di debiti e pagamento delle bollette dell'energia elettrica e del riscaldamento, con una conseguente contrazione nel settore dei consumi, come regali, viaggi e generi alimentari.

Per cercare di affrontare il caro energia e risparmiare sulle bollette di luce e gas, per i consumatori è utile confrontare le offerte degli operatori energetici sul mercato. Per fare questo può essere d'aiuto il servizio di comparazione di SuperMoney, che compara le proposte dei principali operatori nazionali e permette di scegliere la tariffa di luce e gas più adatta alle singole esigenze.