Il gas scisto? Le emissioni sono superiori a quelle del carbone, del petrolio e del gas convenzionale, ma la sua scoperta ha portato alcuni benefici .

Alcuni studi effettuati da un team di ricercatori della Cornell University (New York) evidenziano che il gas naturale estratto dagli scisti ha dato un notevole contributo ai gas serra, in forma di emissioni di metano, nell'ultimo ventennio, maggiore rispetto a quello emesso da gas convenzionali, olio e carbone.

Le riserve mondiali di gas naturale estratto dai giacimenti si stanno esaurendo, così, grazie allo sviluppo tecnologico, è stato possibile sfruttare anche fonti non convenzionali di gas, come il gas naturale intrappolato nei pori di piccole formazioni di scisti (roccia sedimentaria), e c'è chi, nel mondo, sostiene con fervore questa scoperta.

"Il gas scisto, nei prossimi anni, rivoluzionerà il mercato dell'energia", ha affermato, negli ultimi mesi, Amy Myers Jaffe del Wall Street Journal. Questo tipo di gas è una risorsa già nota da alcuni anni, ma solo ultimamente, grazie all'evoluzione della tecnologia, è stato possibile abbattere i costi di produzione, permettendo alle nazioni investimenti seri in questa risorsa che, assieme all'energia eolica e solare, potrebbe garantire un notevole risparmio di energia elettrica.

C'è, però, chi non ripone tutta questa fiducia nell'impiego di gas scisto come fonte energetica: sarebbero da valutare i costi e i rischi ambientali, legati soprattutto al possibile inquinamento delle falde acquifere dovuto alla trivellazione. "Per quanto riguarda il problema economico, negli ultimi dieci anni, il costo della produzione si è abbassato drasticamente - ha dichiarato Jaffe - passando da 5 e più dollari su un milione di British thermal unit ― un'unità di misura dell'energia ― a 3 dollari, una cifra che nei prossimi anni si abbasserà ulteriormente".

Secondo Jaffe, anche per la questione ambientale non ci sarebbe da temere: lo scisto si trova a centinaia di metri sotto le falde acquifere, e leggi severe controllerebbero le operazioni di trivellazione.

Le grandi potenze mondiali si stanno muovendo verso questa direzione, ma anche il cittadino, nel suo piccolo, può aiutare il Pianeta nel risparmio di risorse come luce e gas, energia ed elettricità, traendo beneficio anche sui costi della bolletta: per farlo è possibile utilizzare SuperMoney, il portale che mette a confronto le offerte luce e gas di numerosi operatori tra cui Enel Energia, Eni, Edison e tanti altri.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.