L'energia è una risorsa irrinunciabile, ma è altrettanto vero che cittadini e aziende spesso ne hanno abusato. Ora tutti corrono ai ripari cercando soluzioni per risparmiare energia elettrica, luce e gas.

Una delle ultime idee in fatto di energia rinnovabile nasce a Moissac (Francia), il paese dei 58 reattori nucleari usati per la produzione di elettricità, e ha come oggetto il melone: il goloso frutto estivo, come tutti i vegetali in stato di decomposizione, produce spontaneamente gas metano.

Ora, anche Google scende in campo con una somma pari a 75 milioni di dollari per finanziare Clean Power Finance, impresa specializzata in servizi integrati e soluzioni finanziarie per l'industria solare: si tratta di un progetto nato per installare dei pannelli solari sui tetti di 3 mila abitazioni statunitensi.

Il colosso di Mountain View, da sempre attento all'aspetto "green", è in prima linea nella sperimentazione di idee e progetti per quanto riguarda le energie rinnovabili, e il suo coinvolgimento diretto in quest'ultima iniziativa dimostra l'interesse nel processo di diffusione dell'energia solare nel settore residenziale.

Grazie a Clean Power Finance, i cittadini che vorranno installare sul tetto di casa propria dei pannelli fotovoltaici, potranno approfittare di quelli forniti (in leasing) dal progetto, a fronte di un pagamento mensile per il consumo di energia.

Per quanto riguarda l'installazione dei pannelli solari necessari, invece, non sarà addebitato alcun costo all'utente: in questo modo, l'energia solare potrà velocizzare il suo processo di diffusione tra i residenti che, normalmente, dovrebbero pagare tra i 25 mila e i 30 mila dollari per l'aggiunta di pannelli solari, una cifra sicuramente non accessibile per una famiglia con un reddito medio/basso.

"Siamo soddisfatti di contribuire sempre di più alla diffusione dell'utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Per i cittadini può essere più conveniente dell'utilizzo della rete tradizionale di fornitura elettrica", ha affermato Rick Needham, direttore della divisione green di Google.

Il gigante delle ricerche on line non è nuovo a iniziative di questo tipo: lo scorso giugno, infatti, era stata investita una somma di 280 milioni di dollari a favore di SolarCity, un progetto simile. In un comunicato ufficiale, le alte sfere di Google fanno sapere che si tratta di un finanziamento iniziale, che contribuirà ad "accelerare la diffusione dell'uso dell'energia solare nel settore residenziale".

Le grandi aziende si impegnano per ridurre gli sprechi, ma anche il cittadino, nel suo piccolo, può cercare di ridurre i consumi, con grande beneficio dei costi in bolletta.

Per iniziare a risparmiare è buona regola scegliere con attenzione le tariffe di luce e gas più adatte alle proprie esigenze tra quelle presenti sul libero mercato: per farlo, l'utente può avvalersi del servizio di confronto energia elettrica di SuperMoney, il portale che compara le offerte luce e gas di numerosi operatori tra cui Enel Energia, Eni, Edison e tanti altri.