Bollette salatissime, addio! Con le rinnovabili il risparmio è garantito: secondo Confedilizia, in futuro il 45% del fabbisogno di elettricità degli italiani potrebbe essere soddisfatto dal solare "fai da te". Basta tappezzare di pannelli fotovoltaici i tetti e le facciate di tutti i palazzi disponibili.

Nel corso dell'audizione in commessione Ambiente alla Camera, i rappresentanti di Confedilizia hanno citato uno studio dell'Agenzia internazionale per l'energia, secondo cui l'Italia dispone di 763,56 kmq di tetti su cui piazzare i moduli per l'energia solare, più altri 286,32 kmq di facciate. Sfruttando tutto questo spazio sarebbe possibile soddisfare il 45% (126 terwattora) dei consumi elettrici nazionali.

L'Associzione ha lanciato alcune proposte per facilitare questo processo, come "la creazione di una filiera italiana per la produzione dei pannelli e degli accessori" e degli incentivi per dotare anche le parti comuni degli edifici di pannelli solari. Anche Legacoop - presente all'audizione in commissione - ha proposto un'iniziativa con lo stesso obiettivo: la formazione di "cooperative di cittadini" che partecipino alla costruzione degli impianti per "rendersi autonomi dal punto di vista energetico".

In attesa di poter sfruttare l'energia proveniente dalle proprie case, per tagliare i costi delle bollette gli italiani possono scegliere le tariffe di elettricità migliori sul libero mercato: un aiuto in questa direzione può arrivare dal servizio di Supermoney, che permette di confrontare le offerte di energia di numerose società e di selezionare le soluzioni più "risparmiose" in base alle proprie esigenze.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.