Mentre il nucleare viene guardato con sospetto e il petrolio inizia a scarseggiare, il gas si affaccia sul mercato come potenziale fonte energetica del futuro: disponibile in grande quantità e quindi poco costoso, meno inquinante rispetto al carbone, nel 2035 il gas potrebbe rappresentare oltre un quarto della domanda mondiale di energia contro l'attuale 21%. E' quanto sostiene l'ultimo rapporto Aie (International Energy Agency) presentato a Londra nei giorni scorsi.

"Le risorse sono sufficientemente abbondanti", assicura il presidente Aie Nobuo Tanaka, tanto che il gas potrebbe superare nel 2030 la quota del carbone nel mix energetico. La domanda più consistente si attende da parte di paesi esterni all'Ocse, dai quali proverrà quasi l'80% della richiesta di gas tra il 2010 e il 2035. Il ruolo da protagonista potrebbe essere giocato dalla Cina: Aie stima che nel 2035 la domanda di questo Paese potrebbe essere equivalente a quella di tutta l'UE; a questa si aggiungeranno la richiesta del Medio Oriente (raddoppiata) e quella quadruplicata dell'India. Questo ingente bisogno di gas porterà la produzione annua a 5.100 miliardi di mc nel 2035.

Naturalmente "un'espansione dell'uso di gas da solo non è una panacea per il cambiamento climatico", ha sottolineato Tanaka, dal momento che si tratta pur sempre di un combustibile fossile, anche se è quello meno inquinante. Il gas sarà dunque affiancato da fonti più pulite, come le rinnovabili, per le quali "ci sono buone potenzialità". Per questo motivo l'Aie ha incoraggiato gli Stati coinvolti a promuovere il risparmio energetico, le tecniche di cattura e stoccaggio di CO2 e le energie rinnovabili. Il timore, ha dichiarato Tanaka, è che "i governi antepongano i profitti di un gas sempre più conveniente e disponibile a questo tipo di impegni e accortezze".

Il tema del risparmio energetico non coinvolge soltanto i governi, ma anche i singoli cittadini: ognuno può mettere in atto una serie di accorgimenti per evitare gli sprechi di energia nella propria abitazione, a vantaggio dell'ambiente e a beneficio del portafoglio. La prima cosa da fare per tagliare i costi è scegliere le tariffe di energia più in linea con il proprio profilo di consumo: per farlo si può utilizzare Supermoney, che permette di valutare le migliori offerte di elettricità e gas e di scegliere quella più vantaggiosa.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.