Tra le fonti di energia alternative oggi c'è anche il suono, o meglio la voce umana, che potrebbe presto essere in grado di ricaricare un telefonino. Questa svolta energetica è stata annunciata da un gruppo di ingegneri dell'Università sudcoreana di Sungkyunkwan a Seoul. "Abbiamo cercato di trasformare il suono in elettricità", ha detto l'ingegnere Sang-Woo Kim al quotidiano inglese Telegraph. "La voce è una possibile fonte di energia, a cui non è mai stata data l'attenzione che merita".

L'invenzione consiste in una nuova batteria per il cellulare che riesce a trasformare le vibrazioni del suono in elettricità, ricaricandosi. La voce è soltanto una delle possibili fonti da cui attingere energia, ma in realtà qualunque rumore può servire allo scopo.

La tecnologia su cui è basato questo innovativo strumento è relativamente semplice: alla batteria è collegato un materiale fonoassorbente, che vibra e trasmette la vibrazione a filamenti di ossido di zinco, che di conseguenza si contraggono e si espandono producendo elettricità. In questo momento è stato creato soltanto un prototipo della batteria, che è in grado di alimentare dispositivi a basso consumo.

Le prospettive future di questa nuova invenzione sembrano però molto promettenti. Il suono potrebbero infatti essere utilizzato come fonte energetica non soltanto per i cellulari, ma per molti altri oggetti alimentati a batteria: computer, lampade e perfino automobili. "Se le autostrade fossero dotate di protezioni acustiche - spiega l'ingegnere Sang-Woo Kim - potrebbero catturare il suono dei veicoli e permetterne la ricarica in marcia, al contempo diminuendo la rumorosità nell'ambiente".

Oltre ai vantaggi ecologici, la nuova tecnologia potrebbe avere notevoli vantaggi economici, dal momento che il rumore è una fonte a costo zero. In attesa di poter ricaricare i nostri devices attraverso la voce, non resta che accontentarsi di fonti energetiche più "classiche": per risparmiare in questo settore conviene scegliere le tariffe di elettricità più convenienti sul libero mercato, utilizzando il servizio per il confronto energia di Supermoney.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'