Da domani le bollette costeranno più care: nuovi rincari sulle tariffe energetiche sono stati infatti annunciati dall'Autorità per l'energia, che ha previsto per aprile un incremento del 2% per il gas e del 3,9% per l'energia elettrica (lo 0,9% determinato dagli andamenti dei mercati, cui si aggiunge un 3% per l'incentivazione delle rinnovabili, finanziate attraverso la bolletta dell'elettricità).

Sono due le principali cause dell'aggiornamento al rialzo delle bollette: il primo è la costante crescita delle quotazioni petrolifere, che dal gennaio 2009 sono lievitate raggiungendo il +145% (+45% nell'ultimo anno). L'aggravio dei prezzi delle materie prime energetiche è stato accresciuto in questo periodo anche dalla crisi Libica. Il secondo "responsabile" dei rincari è il finanziamento delle energie rinnovabili per 4,9 miliardi di euro, di cui 1,4 miliardi di euro per i certificati verdi e 2,4 miliardi di euro per il fotovoltaico.

Ed ecco in arrivo la stanga per gli italiani: la famiglia tipo (con consumi medi di 2.700 kilowattora l'anno e una potenza impegnata di 3 kW) sborserà per l'energia elettrica circa 16,5 euro in più all'anno, mentre il gas naturale costerà circa 21 euro all'anno in più ai nuclei con riscaldamento individuale e consumi medi di 1.400 metri cubi.

Per far fronte agli incrementi delle tariffe le famiglie economicamente svantaggiate possono contare sui bonus offerti dall'Autorità per l'energia: alla fine di marzo 2011 - fa sapere l'Aeeg - sono stati erogati oltre 2.100.000 bonus elettrici (comprensivi di circa 600.000 rinnovi annuali) e di 700.000 bonus gas, per un totale di 2,8 milioni di bonus pari a circa 460 milioni di euro.

Questi aiuti consenton di tagliare la bolletta dell'elettricità in media del 20% al netto delle imposte e quella del gas del 15%. I due bonus sono cumulabili e consentono di ottenere un risparmio complessivo tra i 75 e 388 euro in 12 mesi.

L'importo preciso dei bonus dipende dal numero dei componenti del nucleo familiare, dalla zona climatica di residenza e dal tipo di utilizzo del gas (per cucina, riscaldamento eccetera). Questi incentivi possono essere richiesti e rinnovati ogni anno dalle famiglie con difficoltà economiche (Isee inferiore a 7.500 euro) o numerose (con oltre tre figli a carico ed Isee inferiore a 20.000 euro) e da ammalati che utilizzano apparecchiature elettromedicali salvavita.

Anche chi non ha diritto ai bonus energia può comunque risparmiare sulle bollette scegliendo le offerte più convenienti presenti sul mercato. Attraverso Supermoney, il portale per il confronto energia, è possibile visualizzare le migliori tariffe di luce, gas e dual fuel e selezionare quelle più a buon mercato e più adatte alle proprie esigenze.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento'.