Mancano poche settimane alla scadenza definitiva dell'agevolazione sul risparmio energetico. Ieri abbiamo parlato della possibilità di detrarre il 55% dell'importo totale speso per opere di miglioramento della propria abitazione. Opere, queste, volte a migliorare l'efficienza energetica attraverso l'installazione di pannelli solari per la produzione di energia elettrica, l'installazione di caldaie a condensazione, la sostituzione di infissi e porte, ect.
Alla riduzione del 55% si affianca anche quella del 36%; in questo caso le opere devono essere di ristrutturazione edilizia, come la modifica del tetto o la ricopertura della casa con un "cappotto" che la isoli sia dal caldo che dal freddo esterni. È possibile usufruire della riduzione del 36% fino alla fine del 2012 a differenza dell'altra riduzione che scade il 31 dicembre 2010.
Le due agevolazioni non sono cumulabili, è quindi possibile fare richiesta di rimborso solo per una delle due. Inoltre la richiesta deve essere fatta entro l'anno di realizzazione dei lavori migliorativi per il risparmio di energia. L'iniziativa permette, a chi lo desidera, di ristrutturare la propria abitazione, ricevendo indietro buona parte dell'investimento iniziale. Inoltre permette di rispettare l'ambiente e di risparmiare energia elettrica e gas riducendo i costi sulle bollette.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento.