Ieri in tutto il mondo si è festeggiato il secondo Global Wind Day, la giornata del vento. Secondo i dati Ewea, l'associazione europea per l'energia eolica, l'Italia è al terzo posto in Europa per nuova capacità installata nel 2009 e viene considerata un mercato in forte crescita. Quindi il nostro Paese, anche se lontano da Spagna e Germania, ha notevoli potenzialità future non solo per quanto riguarda lo sviluppo dell'eolico, ma anche del solare e delle altre fonti rinnovabili.


Un trend confermato dal recente Piano di Azione Nazionale, elaborato dal ministero dello Sviluppo Economico: entro il 2020 l'Italia conta di coprire con fonti energetiche rinnovabili il 17% dei consumi energetici totali. Il documento, pubblicato oggi, indica in particolare una quota di rinnovabili del 28,97% per l'elettricità e del 15,83% per il riscaldamento e il raffreddamento.

"Sempre più operatori del settore - spiega Bruno Iambrenghi Business Development Manager di Supermoney - forniscono energia da fonti rinnovabili; l'attenzione all'ambiente è un sentimento che negli ultimi anni si sta diffondendo sia tra i fornitori sia tra i clienti che manifestano interesse per il tipo di fonte energetica utilizzata".

La ricerca di un operatore che fornisca energia da fonti rinnovabili, e la scelta della proposta più conveniente anche sul piano economico, possono essere facilitate da uno strumento come il sistema di confronto delle tariffe per l'energia elettrica di Supermoney. Attraverso il portale Energia di Supermoney è possibile effettuare uno screening dettagliato. Specificando la volontà di ottenere energia da una fonte rinnovabile, la regione dell'abitazione o dell'impresa, i kWh consumati e anche l'orario della giornata di maggior utilizzo, il sistema fornisce i risultati migliori scandagliando le offerte di 16 aziende fornitrici di energia.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento