Il 72% dell'energia elettrica viene consumato dagli edifici, dato ancora più sconcertante se si valuta che di questa percentuale ben il 50% viene sprecato. Tale impiego energetico porta anche gravi danni per l'ambiente. Ad esempio si è sempre pensato che fossero le automobili a creare più emissioni di gas serra, invece, sono proprio gli edifici a creare la maggior quantità di emissioni di CO2.

Al fine di ridurre al minimo lo spreco energetico Ibm, in collaborazione con alcuni partner, ha progettato la costruzione di edifici intelligenti che possano aiutare nel risparmio di energia elettrica. Il progetto prevede la costruzione di un centro di coordinamento che gestisca non solo le differenti infrastrutture degli edifici ma anche i differenti asset al suo interno (dalle condutture dell'acqua, all'utilizzo delle stampanti).

Secondo Ibm il progetto potrebbe essere associato a svariate tipologie di edifici: campus universitari, scuole, laboratori, magazzini, cantieri, centrali, officine, appartamenti, resort etc. Attraverso l'attivazione del progetto sarebbe possibile risparmiare sui costi energetici, risparmiare una buona percentuale di energia elettrica e ridurre le emissioni di CO2.

Per conoscere la tariffa energetica più conveniente per le proprie esigenze proponiamo di effettuare un confronto tra le offerte presenti nel mercato energetico grazie all'aiuto di Supermoney, il portale che ti mette in contatto con i migliori operatori di energia elettrica.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento