L'Italia è il paese europeo dove l'elettricità ha il prezzo più elevato. La ricerca è stata effettuata dall'Istituto per la competitività un'associazione di ricerca nata nel 2005 grazie a un gruppo di giovani scienziati per analizzare la competitività in chiave innovativa all'interno del quadro politico-economico europeo ed internazionale.

L'analisi si è concentrata sul periodo che va dal 1999 al 2008 prendendo in considerazione sia i consumi domestici che quelli industriali. L'Italia, purtroppo, detiene il primato negativo in entrambi i settori. La situazione non cambia neppure se si analizza l'andamento dei prezzi nel mercato all'ingrosso.

Nel periodo di riferimento il divario esistente tra i prezzi dell'elettricità italiani rispetto al resto dei paesi europei ha subito una leggera diminuzione, ma proprio nel 2009 e nei mesi iniziali del 2010 si è verificato l'effetto contrario: è stato infatti registrato un aumento del gap. Questa differenza risulta difficile da comprendere visto che il nostro paese sia, tra quelli europei quello che ha svolto molte più iniziative per liberalizzare il mercato energetico.

Non ci resta che correre ai ripari cercando di trovare un modo per risparmiare sulla bolletta dell'elettricità. Sicuramente bisognerà tenersi costantemente informati sull'andamento del mercato energetico italiano e imparare a confrontare le offerte e le tariffe di energia elettrica. Ad esempio affidandosi a Supermoney il portale che ti mette in contatto con i migliori operatori energetici.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento