Mercato Libero o Servizio di Maggior Tutela?

Scopri cosa pensa la community:
Leggi le opinioni
Ti siamo stati utili?
Raccomandaci su Google

Cosa scegliere tra il mercato libero e la maggior tutela?

Se ti stai chiedendo se conviene maggiormente il Mercato Libero o il servizio di Servizio di Maggior Tutela, in questa guida troverai tutte le informazioni necessarie per compiere una scelta davvero consapevole. Di certo si tratta di una domanda molto diffusa tra gli utenti del mercato energetico italiano, a cui non è possibile dare una risposta univoca, probabilmente anche per i dubbi che ancora ruotano attorno a queste due diverse tipologie di mercati. Cominciamo dunque a fornire delle definizioni.

 

 

 

 

Cosa sono il libero mercato e il servizio di maggior tutela?

Il miglior modo per fare una giusta scelta è capire come funzionano questi tipi di mercati e quali sono le differenze. Cominciamo dunque con delle definizioni.

Il mercato libero dell’energia è nato con la liberalizzazione del settore energetico, iniziata agli inizi degli anni 2000 con l’abolizione del monopolio statale. Da quel momento tantissime compagnie private, in concorrenza tra loro, hanno cominciato a proporre le loro offerte luce e gas, differenziando la loro offerta a seconda delle diverse tipologie di utenti.

Il servizio di Maggior Tutela prevede delle tariffe uniche, una per la luce e una per il gas, fissate dall’AEEGSI, l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema idrico, ogni tre mesi in base all’andamento di diversi fattori. Attualmente quindi puoi avere un contratto di fornitura gas e luce sia con le offerte di una compagnia privata sul mercato libero, sia con le tariffe tutelate dell’AEEGSI.

A questo proposito, è importante sottolineare che le compagnie energetiche che operano sia in regime di Maggior Tutela che sul Mercato Libero non possono però avere il medesimo nome per entrambi i mercati energetici. Acea Energia è ad esempio il nome utilizzato dalla compagnia Acea nel Libero Mercato mentre Servizio Elettrico Roma è quello adottato dal medesimo fornitore sul Mercato Tutelato. Lo stesso vale per Eni, le cui offerte hanno nomi differenziati a seconda che si trattino di soluzioni energetiche per il Mercato libero o di forniture Eni luce e gas sotto Maggior Tutela. Anche Enel, che presenta due denominazioni diverse. Infatti nel libero mercato si presenta come Enel Energia, mentre Enel Servizio Elettrico Nazionale è la denominazione scelta per il servizio tutelato.

Torna su

 

Differenze tra il mercato libero e il servizio di maggior tutela

La prima differenza riguarda le modalità adottate per stabilire i prezzi e le condizioni. Nel caso della Maggior Tutela è l’Autorità per l’Energia, nel caso del mercato libero sono invece le singole compagnie energetiche. Le compagnie attive nel libero mercato siano davvero tante, un numero molto maggiore rispetto a quelle che garantiscono il servizio tutelato. Ma la differenza più evidente riguarda la quantità e la varietà di offerte disponibili.

La Maggior Tutela consente di fatto soltanto la scelta tra una tariffa monoraria ed una bioraria, con prezzi differenti se si tratta di un’abitazione di residenza oppure no. Con la tariffa bioraria il costo dell’energia varia a seconda dell’ora del giorno in cui questa viene utilizzata; una tariffa monoraria mantiene il costo della componente energia sempre identico indipendentemente dall’orario. A guardar bene, le attuali tariffe biorarie stabilite dall’AEEGSI prevedono una differenza minima tra le due fasce, rendendo molto simili le due opzioni.

Anche nel mercato libero potrai, nella maggior parte dei casi, scegliere tra offerte monorarie e biorarie. Inoltre molti operatori adottano per le loro offerte di energia la formula del prezzo bloccato, in modo da non dover temere aumenti dei prezzi. In alternativa si può valutare una tariffa a prezzo indicizzato, in questo caso il costo della materia prima è legato alle variazioni del mercato, e perciò potresti approfittare di eventuali riduzioni. Ma la varietà di proposte nel libero mercato non finisce qui. Potrai trovare programmi fedeltà, sconti e strumenti per analizzare i tuoi consumi e semplificare la gestione delle utenze.

Torna su

 

Mercato libero o maggior tutela: cosa scegliere?

Secondo i risultati dell’ultimo monitoraggio AEEGSI relativo al biennio 2014/2015, gli utenti domestici passati al mercato libero spendono mediamente di più di quelli rimasti nel servizio tutelato. Questo perché le offerte del mercato libero includono in genere tanti servizi e prodotti aggiuntivi che determinano un aumento sul prezzo. Va però considerato che le possibilità di tagliare i costi delle bollette di luce e gas, e quindi di ottenere un risparmio maggiore dipende anche dall’abilità dell’utente stesso di scegliere l’offerta migliore.

Insomma, non è così semplice affermare dove si spenda meno. Di certo, per risparmiare sul mercato libero è necessario diventare dei consumatori attivi: bisogna confrontare con attenzione le proposte sul mercato, capire cosa si conforma meglio alle proprie abitudini e ai propri consumi, essere disposti a cambiare operatore energetico se si individua un’offerta migliore. Il nostro comparatore può rendere queste operazioni più semplici e rapide: pochi click e avrai un’idea di quali siano le offerte giuste per te. Ti basterà inserire alcune informazioni e Supermoney selezionerà per voi le migliori tariffe.

Torna su

Leggi tutti i commenti